Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

  |galleria VIDEO|galleria FOTO|archivio NOTIZIE|area DOWNLOAD|GISweb|LINK utili||CONTATTI
     
  La situazione generale
     
  L'area di intervento
     
  Perché agire
     
  Il corridoio ecologico
     
  Obiettivi e azioni
     
     
     
3 settembre 2013 - ANALISI DEL TERRITORIO

MAPPATI I PUNTI CRITICI PER GLI INCIDENTI CON LA FAUNA SELVATICA

Il numero di incidenti tra automezzi e mammiferi di grossa taglia che attraversano la rete stradale è in continuo aumento, anche se nel 2013 si è osservata una lieve diminuzione rispetto all’anno precedente. Soprattutto nei punti a più alto rischio è importante ridurre la velocità e prestare maggiore attenzione.

Carta Cervi, cinghiali e caprioli costituiscono un problema sempre più diffuso e frequente per gli automobilisti, come è possibile verificare sul grafico a fianco. La mappatura dei punti critici è stata realizzata grazie alle informazioni raccolte negli anni dal Nucleo Faunistico della Polizia Provinciale, chiamato a intervenire in caso di incidenti.
La carta riporta anche i punti interessati all’attraversamento di anfibi, soprattutto rospi e rane rosse, che annualmente nel mese di marzo si avvicinano ai siti riproduttivi e sono vittime di autentiche carneficine da parte degli automezzi in transito.
L’analisi conclusiva del progetto porterà anche all’individuazione degli interventi ritenuti efficaci per ridurre l’incidenza dei problemi rilevati, sia per i mammiferi di grossa taglia sia per gli anfibi, e migliorare la sicurezza di automobilisti e animali. Si valuterà pertanto la realizzazione di sottopassi per anfibi, l’installazione di segnalatori di pericolo per gli automobilisti, la posa di staccionate per direzionare il passaggio degli animali.

Tavola degli incidenti stradali (Acrobat Pdf)

9 luglio 2013 - GESTIONE DEL TERRITORIO

LA GESTIONE FORESTALE NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000

In via di approvazione il Piano di Indirizzo Forestale della Comunità Montana Valli del Verbano che prevede una regolamentazione attenta alla conservazione delle tipologie vegetazionali più rare e alle esigenze della fauna tipica dell’ambiente forestale.

Foresta Il Piano Forestale si pone l’obiettivo di raccordare le attività forestali di imprese e privati con la valorizzazione dei numerosi servizi svolti dall’ecosistema boschivo, dalla stabilizzazione dei versanti, alla qualità dell’aria e dell’acqua, alle risorse faunistiche e venatorie.

Soprattutto i siti della rete Natura 2000 beneficeranno di una gestione “speciale”, finalizzata anche alla conservazione dei corridoi naturali che permettono il libero movimento della fauna tra le aree di maggior naturalità del territorio.

Nella relazione scaricabile vengono descritti i siti della rete Natura 2000, gli elementi vegetazionali e faunistici che la Commissione Europea chiede di tutelare e le norme recepite nel Regolamento forestale per realizzare tutto questo. Dal sito di Comunità Montana è possibile visionare l’intera documentazione del Piano di Indirizzo Forestale.

Relazione per il Regolamento forestale

6 luglio 2013 - ANALISI NATURALISTICA DEL TERRITORIO

L’AMBIENTE DELLA COMUNITÀ MONTANA VALLI DEL VERBANO

Con il Progetto sui corridoi ecologici è stata realizzata una descrizione generale dell’ambiente della Comunità Montana. Alcuni aspetti verranno poi approfonditi con studi specialistici pubblicati su queste pagine

Gambero La relazione redatta da Federico Pianezza, dottore in Scienze Naturali e collaboratore di Comunità Montana, ha sommariamente analizzato il territorio delle Valli del Verbano sotto diversi aspetti: climatico, geologico, vegetazionale e faunistico per quanto riguarda i vertebrati terrestri.

Sezioni particolari sono state inoltre dedicate alle aree di maggior naturalità del comprensorio, alle problematiche legate alla fauna e ai collegamenti ecologici locali e agli interventi praticabili per migliorare le situazioni più critiche. La relazione è disponibile in formato PDF.

Analisi naturalistica generale del territorio

1 settembre 2011 - COMUNICATO STAMPA AVVIO PROGETTO

SOTTOPASSI PER ROSPI E FOTO TRAPPOLE: LA PROPOSTA DELLA COMUNITA’ MONTANA VALLI DEL VERBANO E DELLA LIPU PER LA BIODIVERSITÀ

Finanziato dalla Fondazione Cariplo un progetto a difesa delle risorse naturali a nord di Varese

Veduta Un progetto per difendere l’anima verde che caratterizza il Nord della provincia di Varese. A proporlo sono la Comunità montana Valli del Verbano e la LIPU-BirdLife Italia, che insieme hanno partecipato al bando della Fondazione Cariplo “Valorizzare e tutelare la biodiversità”, ottenendo il finanziamento richiesto.

Il progetto, denominato “I corridoi ecologici della Comunità Montana Valli del Verbano - Studio di fattibilità e interventi di tutela della Rete Ecologica” prevede una serie di azioni concrete per la salvaguardia delle risorse naturali che dal Parco Campo dei Fiori si estendono verso nord, in direzione della Val Veddasca fino al confine svizzero.

Leggi il Comunicato Stampa completo


redazione e realizzazione web: Marco Tessaro